Questo difetto è tutto lavoro e il miglior gioco Notizie di tennis

Yannick Senner Esporrà i suoi muscoli mentali Open di FranciaDove il diciannovenne ritorna in felici zone di pesca
I colpevoli non sono i tipici genitori del tennis; Appeso vicino, la pressione si accumula. Johan e Singlend lavorano molte ore. Lui fa lo chef in uno chalet in Val Pusteria e lei lavora nello stesso punto vendita.
“Sanno cosa significa il duro lavoro”, ha detto Jannik Sinner a TOI durante una chiamata Zoom da Lione.
Sinner ha assaporato per la prima volta il successo sportivo nella sua figura da singolo, un campione di pattinatore, che ha sovraperformato nella tariffa per gruppi di età.
“I miei genitori lavoravano, quindi a volte dopo la scuola, andavo a casa di mio nonno per prepararmi a sciare”, ha spiegato. “I miei genitori non avevano molto quando avevo 10-12 anni, non c’era nessuno che mi aiutasse a fare o fare cose per me. Mi ha insegnato l’importanza di fare le cose da solo e di essere indipendente”.
Al numero 19, l’italiano da 6 piedi e 2 pollici è l’unico adolescente nei primi 75 della classifica ATP.
Il vantaggio di Senner in classifica è stato rafforzato dal raggiungimento dei quarti di finale al Roland Garros, sette mesi fa. L’italiano ha ammesso che la serie di vittorie al suo debutto all’Open di Francia ha sollevato le aspettative per la nuova stagione, ma l’ha sostenuta con un duro lavoro. Da allora ha vinto due titoli della serie ATP 250: Sofia (novembre 2020) e Melbourne (febbraio 2021).

“Quando ho battuto (David) Goffin (n. 13) al primo turno lo scorso anno, ho iniziato a sentirmi a mio agio in superficie, poi Alexander Zverev (testa di serie settima), il vero test è stato affrontare Rafa (nei quarti di finale) . “Sener ha detto:” Dov’era il mio gioco? Esattamente, e quanto lavoro devo fare per giocare con questi giocatori. “” Sto migliorando, cerco di avere più armi ad ogni torneo che gioco, cercando di ottenere di più soluzioni per ogni problema che devo affrontare. ”
È lì che si è ritrovato meno di una settimana prima dell’Open di Francia, che inizia domenica a Parigi.
Il gioco di Sinner, come il suo trucco mentale, parla di un equilibrio da monaco, di un temperamento che non è troppo sprecato e di un gioco sul pavimento come i gemelli. Il doppio è il tiro più grande, potrebbe non rompere la porta della stalla, ma può farlo atterrare su una moneta. Mentre Sinner ha rappresentato il 79% dei giochi di servizio nei suoi tre anni nel Pro Tour, la sua calma incrollabile è la migliore nella faretra.
Alexander Public ha chiesto se l’adolescente fosse un essere umano e lo ha descritto come un “robot” in senso buono, come ha spiegato il kazako, dopo aver perso contro l’italiano a Miami.
Un altro giovane italiano nel cast è Lorenzo Musetti, anche lui diciannovenne, 76. Ha 6 mesi in meno di Sener. Musetti è nato a Carrara, a circa 500 chilometri dalla casa d’infanzia di Sinner nel nord Italia, con la mano posteriore che scorreva con una mano, come un ruscello indisciplinato, e la mano anteriore che svolgeva il compito. Indossa i suoi lunghi riccioli in una striscia stretta ed esprime il suo fuoco con accenti di rabbia.
La sua biografia indica che, se non fosse stato un giocatore di tennis, sarebbe stato un attore.
Il duo ha preso strade contrastanti con i professionisti, e Musetti è stato il seme numero 1 del mondo e campione dell’Australian Open Boys nel 2019.
Sinner ha iniziato a giocare a tennis quando aveva sette anni perché suo padre amava lo sport, e ha giocato solo due volte a settimana fino all’età di dodici anni. Non ha partecipato a nessun tabellone per ragazzi del Grande Slam.
A 13 anni Sener si trasferisce in tutto il paese, lasciando la sua casa di San Candido, per lavorare con il connazionale Ricardo Piatti nella cittadina costiera di Bordighera.
Sener, che ha raccolto una partita Nadal-Federer durante una serata al cinema, si è immerso nel lavoro quando è stato invitato ad allenarsi con il leggendario spagnolo per una quarantena di due settimane, davanti all’australiano. Aperto a febbraio.
“Qualsiasi ragazzo di 19 anni può chiedere di vedere un eroe come questo da una distanza molto ravvicinata, come lavora sul campo, la squadra che lo circonda. E le conversazioni che hanno avuto con la loro squadra”, ha detto. “Stai migliorando non solo come giocatore, ma come persona”.
Quando agli italiani viene ricordata la sua età, alza le spalle. Poi lentamente, sorridendo, il suo viso si sbriciolò. “Ho diciannove anni, ma quando gareggio con qualcuno che è più grande di me, che ha più esperienza di me, cerco di rimediare al duro lavoro”, dice.

READ  Meteo: tempeste, neve e forti venti in arrivo - guarda dove - notizie - notizie

More from Celestina Locatello

Greco turco: Dendias è stato accolto ad Ankara con acclamazioni di guerra – notizie – notizie

Il ministro degli Esteri Nikos Dendias terrà una riunione straordinaria ad Ankara...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *