“Quando il pub va giù, anche Hamlets Juventus”.

Roberto Picantini ha detto la sua parola sulla prestazione della Juventus ieri contro il Ferencvaros. Ecco le parole del giornalista:Scrivere, o non scrivere, questo è il dilemma: è nobile nella mente coprire i colpi di polvere e ridicole frecce dell’estasi o impugnare le armi contro una banda di brocche e, in cambio, farla finita? Per il controllo e la riverenza.

Quando l’asticella cala, Hamlets Juventus vola. Due a zero a Kiev, quattro a uno alla Puskas Arena di Budapest. In mezzo, la cena catalana allo stadio. Qualificazione in tasca: a volte la Champions League si rinnova. Per un’ora ha giocato anche la commedia del portiere e dei suoi dintorni, la squadra di Pirlo. Pubblico, pioggia, ritmi lenti: le condizioni perfette per chi vuole. E Murata ne aveva un po ‘. Bel gol: primo al via con Bonucci e cross di Cuadrado; Il secondo, a sua volta, è al servizio di Cristiano e al velo per McKinney.

Occhio però alla Sindrome di Démbelè (per segnare Marte, Quarta Opzione non ha sparato) e ribaltarla (per non segnare Morata, Cierre ha tirato e mancato). dettagli. Pirlo ha fatto fermare Dybala ed è entrato Ramzi, poi (naturalmente) si è allungato. C’era il solito cristiano agitato e una chiesa, almeno lui, pronta a decollare nello spazio. Mentre Arthur ingoia palloncini e li tocca brevemente, per la gioia degli statistici.

Tutto sommato, e sempre su Media Luz: un po ‘di stress e meno segnali. E i ferencvaros? Immagino, da lì, il muco del colonnello Ferenc: una volta c’era la Scuola del Danubio. Una volta. Bentancur si è alternato ad Arthur e lo ha fatto con il ruggito del portiere. Poi Dybala. Entra al posto di Murata, e subito in posa da toro, va a referto con un goal e goal, una combinazione di gag di Blazic, Dibusz (su tutti) e Dvali. Il Polley Network ha deciso la trasferta 4-1 che, come sempre, spaccherà la buona bocca del punteggio e il palato esigente degli interpreti. Quindi cristiano a zero – passa, non passa? – che, se vuoi, è la chiave di lettura di Kafka.

READ  Inter, Lukaku come Vieri. Hakimi ha segnato due volte nella porta di destra

Lazio, in conclusione. Tore “rifornito” e perito, un altro prezioso per uno. Dopo Bruges, San Pietroburgo. Il “solito” Caicedo, il biglietto per vincere la lotteria finale, l’ha salvata dall’esaurirsi. A Cagliari, Torino, con Zenith. C’è vita intorno all’inanimato “.

More from Anatolio Ossani

Inter, Lukaku come Vieri. Hakimi ha segnato due volte nella porta di destra

L’attaccante belga ha segnato 19 gol nelle ultime 19 partite. L’esterno marocchino...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *