Psicologia: perché nessuno si interessa di me? Un esperto fornisce suggerimenti – consulente

Bundesliga, calcio femminile, 20 giocatori in squadra, ma non tutti sono in campo: è frustrante per i giocatori dell’SC Sand attualmente seduti in panchina. Ma almeno la Società del Baden-Württemberg stava cercando qualcuno che li consigliasse e che potesse mettere a punto tali argomenti: lo psicologo Anke Precht.

“La sensazione di non ricevere abbastanza attenzione è un tipico problema mentale”, spiega Brecht a BILD. In un inglese semplice: dipende dalla situazione, dal tuo modo di pensare e da come gestisco la sensazione di essere escluso. E secondo lo psicologo, questo argomento tocca davvero tutti: che siano ex atleti, superstar e superstar fuori dai riflettori o semplicemente dipendenti in pensione.


20 anni fa, Britney Spears (39) era uno dei musicisti da record più venduti al mondo. Dal 2008 lotta contro la tutela che le è stata imposta per motivi di autodeterminazioneFoto: ddp socialmediaservice

Durante una carriera attiva, ci sono due atteggiamenti che si possono adottare nei confronti dell’ADHD. L’autore di “Who Am I Really?” “Riesco a vedere le persone che, secondo me, attirano più attenzione di me come modelli di ruolo, e mi chiedo: cosa posso imparare da loro?”

Questo trasforma i concorrenti in mentori le cui azioni posso usare come prova. Sono passato dalle dimissioni all’attivismo.

Questo vale non solo per lo sport. Britney Spears ha cercato di dirigersi temporaneamente verso Madonna: il bacio tra i due sul palco nel 2003 è leggendario.

Alla fine, tuttavia, questo collegamento tra due generazioni di stelle è fallito. Invece, la Spears ha gareggiato sempre di più per l’attenzione (cambiando stile nella musica, scappando da una clinica per le dipendenze, radendosi la testa) e perdendosi nel processo; nel 2008 è stata posta sotto la tutela del padre.


30 anni fa al numero uno dell'ATP World Ranking: Boris Becker (53).  Dopo diversi passaggi privati ​​e imbarazzanti acrobazie, ha ritrovato la strada per tornare a Sp

30 anni fa al numero uno dell’ATP World Ranking: Boris Becker (53). Dopo diversi scivoloni speciali e imbarazzanti show business, ha ritrovato la strada giusta come allenatore di Novak Djokovic (2013-2016)Foto: dpa

La vita di Britney Spears è stata orientata alle fasi sin dalla prima infanzia e altri aspetti della sua personalità non si sono sviluppati nemmeno durante l’età adulta. Ed è eccitante, perché: “Se puoi sviluppare altre componenti della tua personalità nella tua giovinezza, la vita sarà più diversificata per te”, dice Brecht.

“L’identità è ciò che pensiamo di essere”.

Chiunque conosca il teatro pensa solo di essere una star del palcoscenico. E chiunque si trovi su un campo da tennis pensa di essere un giocatore di tennis e nient’altro: “Una persona del genere pensa di essere un atleta, un atleta, un atleta – e quasi nient’altro”, dice lo psicologo.

Ma cosa succede se il pubblico è stanco dei volti, se una star passa di moda, si infortuna o non riesce a continuare la sua carriera per altri motivi? “Una crisi di identità si verifica quasi inevitabilmente”, afferma Brecht.

La vita di Baker dopo il tennis: un rapido declino

Boris Baker ha vinto il suo ultimo campionato alla fine del 1996 quando aveva 29 anni. Il resto della sua vita – o almeno la vita che il pubblico ha scoperto – consisteva in relazioni fallite, bancarotte finanziarie e apparizioni televisive come nel 2013 in Becker vs Pocher, che avrebbe salvato se stesso e il pubblico meglio.

Solo quando è tornato sul campo da tennis come allenatore di Novak Djokovic (2013-2016) è riuscito a superare la crisi d’identità scivolando nella sua vecchia identità. Tuttavia, lo psicologo avverte che questa è una “soluzione fragile” perché ha bisogno di condizioni esterne transitorie per sopravvivere. Se questo scompare, la crisi ritorna.


Si è trasferito in un nuovo ruolo all'età di 57 anni: Jeff Bezos.  All'inizio dell'anno è stato annunciato che si sarebbe dimesso dalla carica di CEO di Amazon nel terzo trimestre e sarebbe entrato a far parte del consiglio di amministrazione

Si è trasferito in un nuovo ruolo all’età di 57 anni: Jeff Bezos. All’inizio dell’anno è stato annunciato che si sarebbe dimesso dalla carica di CEO di Amazon nel terzo trimestre e sarebbe entrato a far parte del consiglio di amministrazioneFoto: Lindsey Wasson / REUTERS

Questo è difficile da nascondere, perché: “Gli uomini di solito agiscono con le loro crisi di identità in un modo più visibile: sposano giovani donne, corrono in nuove auto sportive e suscitano scandali”, dice Anke Brecht. Spesso sembra che debbano mettersi al passo con un adulto che non hanno mai visto prima. “Si sono definiti a lungo attraverso lo specchio che gli altri tenevano davanti a loro – e improvvisamente queste persone se ne sono andate”.

Qualcuno potrebbe ora pensare: quanto una cosa del genere influisce sugli altri, celebrità! Lo psicologo dice che è tutt’altro. “Tali cambiamenti nei ruoli riguardano tutti”. Qual è la madre i cui figli sono fuori casa? Cosa fa un lavoratore in pensione? E un’attrice che non ha mai avuto altri ruoli?

Anche Jeff Bezos, l’uomo più ricco del mondo, deve affrontare il cambiamento. Il fondatore e CEO a lungo termine di Amazon si dimette da CEO in autunno e passa al consiglio di amministrazione.

Bezos si è ritirato dalle attività quotidiane al culmine della sua carriera e da ora in poi ha più tempo per le sue imprese e progetti come quelli relativi ai viaggi nello spazio. L’imprenditore di lusso di successo sembra aver deciso di riscoprire un altro lato della sua identità.

Tre domande su come trovare la tua identità

Tuttavia, qualcosa del genere non è limitato ai VIP come Bezos. Tre domande che lo psicologo Anke Precht ha preso in prestito dal filosofo berlinese possono aiutare questo processo. “Considero le tre domande poste da Ariadne von Scherach le domande più importanti per una persona in crisi d’identità”.

▶ ︎ Che tipo di persona voglio essere?

▶ ︎ Come voglio interagire con gli altri?

▶ ︎ In che tipo di mondo voglio vivere?

Se ti poni queste tre domande, potresti scoprire aspetti della tua identità a cui non avevi nemmeno il coraggio di pensare prima.

READ  La scoperta della fisica porta a materiali ottici balistici
More from Anatolio Ossani

Inter, Lukaku come Vieri. Hakimi ha segnato due volte nella porta di destra

L’attaccante belga ha segnato 19 gol nelle ultime 19 partite. L’esterno marocchino...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *