Nate, il secondo uomo di Al Qaeda è stato ucciso – nell’ultima ora

(ANSA) – Washington, 14 nov. – Abdullah Ahmad Abdullah, il secondo uomo dell’organizzazione di Al-Qaeda accusato di aver ideato gli attacchi del 1998 alle ambasciate Usa in Kenya e Tanzania, è stato ucciso in Iran (224 morti, centinaia di feriti). Tre mesi fa da due agenti israeliani per conto degli Stati Uniti. Il New York Times ha scritto con la conferma di fonti dell’intelligence. Il leader dell’organizzazione, il nom de guerre Abu Muhammad al-Masri, è stato ucciso per le strade di Teheran da due persone in moto il 7 agosto, in ricordo dell’attacco alle ambasciate Usa. Fino ad ora c’erano voci sulla sua morte, ma Al Qaeda non lo ha annunciato e nessuno lo ha confermato. Al-Masri e sua moglie, Maryam, sono stati uccisi, la vedova di Hamza bin Laden, uno dei figli di Osama bin Laden, il fondatore di Al-Qaeda. Il New York Times specifica che non è chiaro quale ruolo abbiano svolto per anni gli Stati Uniti nel seguire i movimenti di Al-Masry e di altri leader di al-Qaeda in Iran.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA