Napoli – Milan 1-3, pagelle: fuori terra Ibrahimovi ش, Lozano irriconoscibile

Napoli

Merritt 5.5 – Ha vinto il ballottaggio con Ospina ma ha ottenuto due gol da Ibrahimovi e non ha avuto grossi difetti. La mano è molto morbida, tuttavia, nella conclusione vincente di Hauge.
Di Lorenzo 4.5 – Un errore nell’azione che si traduce in un raddoppio di AC paga a caro prezzo, e si ripete anche nel finale goal 1-3. Nel primo tempo era molto timido, e questo ha permesso al Milan di dominare lì, soprattutto con Theo Hernandez.
Manolas 5 – Nel secondo gol del Milan perde 1 a 1 con Repic, che va molto nello stretto e consegna un passaggio decisivo a Ibrahimovi. Anche in relazione al gol finale 1-3 non è riuscito a contenere il diretto marcatore, che in questo caso è l’Hauge.
Coulibaly 5 – Ibrahimovic deve contenere ma ne esce sconfitto. Il K2 è anche una montagna facile da scalare per questo zlatan.
Mario Roy 6 – Il ribaltamento di manovre, identico risultato: sui gol dei rossoneri, Ibrahimovi riesce a beffare Coulibaly e il portoghese, che recupera parzialmente la prestazione difensiva con l’aiuto di un gol di Mertens.
Fabian Ruiz 5,5- Gioca tanti palloni ma non riesce mai a fare la differenza tra le linee, né verticali né di inserzione. Dal 90esimo Elmas sv
Bakayoko 5,5 – Tra i migliori del Napoli c’è una rete di espulsione ripetibile, soprattutto per il primo giallo, che lascia il Napoli al decimo minuto nel momento cruciale della partita. Il gol di Mertens nasce dalla sua palla incrociata.
Lozano 4.5 – Il peggio inizia al 22esimo al primo minuto e potrebbe essere la sua peggiore prestazione in questa stagione. Inesatto anche nei passaggi più semplici, non riesce in alcun modo a contenere Theo Hernandez nella fase di non possesso e non è un caso che l’assistenza al gol che apre il match nasca dalla resistenza dello spagnolo senza pressioni. Di 56 Zielinski 6 – Ha effettuato l’accesso e dopo pochi minuti Mario Roy ha girato un gol per 1-2. Il suo effetto sulla partita è stato buono.
Politano 6 – Il miglior attaccante del Napoli, anche se Dries Mertens ha segnato dopo un’ora di gioco. L’unico giocatore sembrava davvero bravo e capace di mettere la difesa del Milan in una posizione difficile. Da 69 Pt 5,5 – Cerca di dare peso all’attacco del Napoli, è impegnato e al 93 ‘ha la possibilità di pareggiare i risultati: da ottima posizione, però, colpisce Donnarumma.
Distintivo 5.5 – Dopo il grande arco in nazionale, è tornato al Napoli con una prestazione normalissima: Calabria è perfetta nei gradi.
Mertens 6 – Non appena ha l’occasione, trova il gol, perché chi ha battuto il record di Maradona non poteva mancare quell’occasione. Tuttavia, nel complesso, non era convinto come un 4-2-3-1 di punta alta: in quella zona di campo ci sarebbe voluto un attaccante capace di attaccare le retrovie, e Osimin aveva servito …
Allenatore Gennaro Gattuso 5 – Mertens ha scelto di sostituire il malato Osimhn, ma la scelta non è stata pagata. Non riesce ancora a trasferire la mentalità di una grande squadra al Napoli, squadra che non perderà lucidità ogni volta che i suoi figli saranno costretti a chiudere un occhio.
– – –

READ  Consultazioni "febbrili" tra i leader della Turchia

Milano

Scarica 6.5 – Mertens poteva ben poco per segnare il gol. Nel primo tempo si è distinto per aver neutralizzato la conclusione del belga usando la sua altezza di 196 cm.
Calabria 5.5 – Meno ovvio di altre volte. La perdita di un brutto pallone nel primo tempo ha portato ad un attacco del Napoli. Dalla sua parte arriva un 1-2 cross.
CGear 6.5 – Si sacrifica dopo pochi minuti e rischia addirittura di lasciare la partita. Fatica quando sembra destinato alla sostituzione e prende in mano la difesa come al solito, in una notte in cui c’è molto lavoro da fare.
Romanioli 5.5 – Una buona prestazione offuscata dal gol dato a Mertens che si innamora di lui.
Theo Hernandez 7 – A modo suo, entra nelle prime due reti. Prima sfiora perfettamente Ibrahimovi sullo 0-1, poi mette in pausa l’attacco che dà il via all’azione che raddoppia. E portare all’espulsione di Bakayoko.
Casey 6 – Una maledizione tra difesa e centrocampo, per sostituire Kiar nell’occasione in cui il danese è stato assente dal campo per qualche minuto. Quando il Napoli affondò, la retroguardia della retroguardia doveva essere armata. Tuttavia, pesa la palla che ha perso vicino all’area di rigore della sua squadra, risultando in un gol del Napoli segnato.
Bennacer 6.5 – Gioca molte palle e ci lavora con grande precisione. La palla è sua per lui e, grazie alle sue capacità, difficilmente può essere afferrata. Il metronomo è di grande importanza per le scale.
Saelemaekers 5.5 – Il meno brillante della squadra. Tuttavia, alcune idee sono ancora agli inizi. Colpire un bakayoku dopo poco più di un quarto d’ora di gioco sembra averlo influenzato. (Dal 73 ‘ Castillejo SV).
Kalhanoglu 6.5 – È ovunque. Nell’azione batte un corner e torna subito in difesa per recuperare palla. Passaggio corretto per Rebic vede un movimento che porterà sullo 0-2. È meno appariscente di altre occasioni, ma decisamente preziosa. (Dall’87 ‘ Krunic sv).
REBIC 6.5 – Un giocatore importante per dare soluzioni più offensive e per accelerarlo. Prepara un cioccolato Ibra 0-2. (Dal 74 ‘ Taglia 6.5 – Contro il Celtic, entra con gli avversari che riaprono la partita. Chiudilo freddamente).
Ibrahimovic 8- lussureggiante. Ancora una volta sontuoso. 10 gol in 6 partite, numeri che non si vedevano a Milano dai tempi di Nordal e Van Basten. Manda Repic testa a testa con il portiere, poi è lui che decide la partita con la sua formidabile classe e capacità fisica: domina Coulibaly con un colpo di testa strepitoso, fa anche il ginocchio. Fa male e questa è una cattiva notizia. Perché il Milan è primo in classifica, è l’unico titolare. (Dal 79 ‘ Colombo sv).
Allenatore Danielle Bonera 7 – Si sforza di seguire i dettami di Pioli. Il gioco sta funzionando senza intoppi e, in effetti, funziona molto bene per oltre un’ora. Non cambia a meno che non sia costretto, come nel caso di Ibrahimovic infortunato. E le mosse vincono, basti pensare ad Hauge.

READ  I mercati cadono durante i colloqui per riaprire il Canal Crossing - DailyBusiness

More from Anatolio Ossani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *