Nagorno: Putin, cessate il fuoco completo tra Azerbaigian e armeni – il mondo

Armenia e Azerbaigian hanno raggiunto un accordo per un cessate il fuoco completo in Nagorno-Karabakh. Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin. Il premier armeno Nikol Pashinyan e il presidente azerbaigiano Lam Aliyev – ha detto Putin – hanno firmato una dichiarazione di “cessate il fuoco totale nella zona di conflitto del Nagorno Karabak” a partire dalla mezzanotte di martedì, ora di Mosca (21.00). GMT). Non molto tempo fa, il primo ministro armeno ha annunciato un accordo “doloroso”.

Una folla di manifestanti, arrabbiata per l’accordo appena firmato da Armenia e Azerbaigian sul cessate il fuoco nella contesa regione del Nagorno Karabakh, ha invaso il quartier generale del governo armeno a Yerevan, ha saccheggiato uffici e vetri infranti. Lo ha affermato un corrispondente dell’AFP. Migliaia di persone si sono radunate davanti al palazzo del governo e diverse centinaia hanno preso d’assalto dopo che il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha annunciato un accordo.

Il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ha detto che l’accordo di cessate il fuoco per porre fine ai combattimenti nella regione contesa del Nagorno-Karabakh equivale a una “resa” dell’Armenia. “Lo abbiamo costretto a firmare questo documento”, ha detto Aliyev al primo ministro armeno Nikol Pashinyan in un discorso televisivo. “Questa è fondamentalmente una resa.” Aliyev ha detto che l’accordo ha “un significato storico” e che dà all’Armenia un breve periodo di tempo per ritirare le sue forze dal Nagorno-Karabakh. Russia e Turchia, alleate dell’Azerbaigian, avrebbero partecipato all’attuazione del cessate il fuoco

Riproduzione riservata © Copyright ANSA