L’ultimo Coronavirus: la Francia ritarda l’allentamento del blocco e impone il coprifuoco

Alice Woodhouse

Secondo l’Asian Development Bank, le economie in via di sviluppo in Asia si contrarranno a un ritmo più lento del previsto quest’anno, poiché le prospettive miglioreranno per India e Cina.

La Banca asiatica di sviluppo prevede che le economie in via di sviluppo dell’Asia si contrarranno dello 0,4% nel 2021, un miglioramento rispetto alle previsioni della banca a settembre di un calo dello 0,7% anno su anno.

L’Asian Development Outlook prevede che l’economia cinese si riprenderà a un ritmo più rapido di quanto previsto in precedenza. L’economia cinese è destinata a crescere del 2,1% nel 2021, rispetto a una precedente stima dell’1,8% su una ripresa sia per la produzione che per i servizi.

Le prospettive per l’India sono migliorate dopo aver allentato il rigido blocco. “Con l’epidemia che probabilmente raggiungerà il suo picco a metà settembre, molti indicatori ad alta frequenza sono migliori rispetto a un anno fa o sono tornati ai livelli pre-Covid, indicando un’accelerazione della normalizzazione economica”, ha detto la Banca asiatica di sviluppo.

Si prevede che l’economia indiana si contrarrà dell’8% nel 2021, in calo rispetto a una stima precedente del 9%.

La banca ha lasciato le sue previsioni di crescita per il 2021 al 6,8% nell’Asia in via di sviluppo.

L’economia di Taiwan è tra quelle che hanno mostrato forza

La Banca asiatica di sviluppo ha affermato che la ripresa dell’epidemia varia in tutta la regione poiché alcune parti del sud-est asiatico stanno lottando per contenere il virus, limitando l’attività economica.

Le misure di contenimento sono meno rigorose in alcune parti dell’Asia orientale e del Pacifico che hanno avuto successo nel frenare la diffusione del virus.

READ  Marchi speciali di alcol e liquori da tenere d'occhio nel 2021

Si prevede che l’Asia orientale crescerà tra l’1,3 e l’1,6% nel 2021 ed è l’unica sub-regione che dovrebbe registrare una crescita, grazie alla forza in Cina, Corea del Sud e Taiwan.

La Banca asiatica di sviluppo ha affermato che le esportazioni dalla regione sono tornate a livelli simili registrati lo scorso anno. Le spedizioni di forniture mediche ed elettroniche e di beni per la casa hanno compensato la minore domanda di altri beni a causa della seconda ondata di infezioni negli Stati Uniti e in Europa.

Il turismo, cardine di molti paesi della regione, resta “cattivo” con restrizioni ai viaggi imposte per arginare la diffusione del Coronavirus.

Il numero di arrivi di turisti è diminuito tra l’88% e il 100% in tutta l’Asia.

More from Cirillo Buratti

Il tour del coro dei bambini italiani diventa virtuale

Il Piccolo Coro del Antoniano New Year Concert tra Italia e Cina...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *