Lo studio afferma che i granchi che si nutrono di alghe potrebbero aiutare a salvare le barriere coralline

Un nuovo promettente studio afferma che i granchi reali potrebbero aiutare a salvare le barriere coralline minacciate tenendo sotto controllo l’eccessiva crescita di alghe.

Prove nelle Florida Keys hanno dimostrato che i granchi dei Caraibi sono migliori di altre specie nel rimuovere le alghe troppo cresciute che minacciano le barriere coralline mangiandole.

Gli esperti hanno scoperto che quando si introducevano specie di granchio avide in appezzamenti sperimentali sulla barriera corallina, si riduceva la copertura di fanerogame del 50%.

Se la specie potesse essere migliorata in natura, potrebbe aiutare a controllare le alghe – che si stanno diffondendo rapidamente a causa dei cambiamenti climatici – e ripristinare le barriere coralline, che dovrebbero scomparire completamente entro il 2100.

Le barriere coralline sono minacciate dall’aumento della temperatura dell’acqua, che sta portando allo sbiancamento dei coralli, così come l’acqua più acida, l’inquinamento, le malattie e altro ancora.

Questa foto mostra un granchio reale dei Caraibi (Mithrax spinosimus). Questa specie è il più grande granchio erbivoro dei Caraibi e ha una “forte capacità di pascolo”.

“Questo apre un percorso completamente nuovo per il recupero della barriera corallina”, ha detto l’autore dello studio, il professor Mark Butler della Florida International University.

“L’aumento sperimentale dell’abbondanza di grandi granchi erbivori nativi sulle barriere coralline delle Florida Keys ha portato a un rapido declino della copertura di fanerogame marine e, per circa un anno, ha portato al ritorno di coralli e piccoli pesci in quelle barriere coralline”.

I ricercatori affermano che il bracconaggio, i cambiamenti climatici, le malattie e le sostanze nutritive – l’acqua troppo fertilizzata che porta a un’eccessiva crescita di alghe – hanno alimentato la superiorità delle alghe sulle barriere coralline, in particolare nei Caraibi.

Il professor Mark Butler ha dichiarato a MailOnline: “Le alghe marine carnose (alghe) che si trovano sulle barriere coralline hanno molti impatti negativi sulle barriere coralline quando le alghe sono così abbondanti”.

Questi impatti includono l’occupazione di un’area sulle barriere coralline che non consente alle nuove larve di corallo di stabilirsi.

La crescita delle alghe blocca anche i coralli dalla luce solare, di cui hanno bisogno le cellule algali simbiotiche della barriera corallina per sopravvivere.

Le alghe rilasciano anche sostanze chimiche che comprimono il corallo, il che riduce la riproduzione del corallo e rende il corallo più vulnerabile alle malattie.

I ricercatori stanno monitorando le barriere coralline.  Il team ha condotto i suoi esperimenti due volte e ha trovato risultati promettenti entrambe le volte

I ricercatori stanno monitorando le barriere coralline. Il team ha condotto i suoi esperimenti due volte e ha trovato risultati promettenti entrambe le volte

Il mare e il cambiamento climatico

Gli studi hanno affermato che il cambiamento climatico sta alimentando la crescita di alcune alghe aumentando la temperatura dell’acqua.

READ  L'intelligenza artificiale aiuta gli scienziati a sviluppare nuovi modelli generici in ecologia

L’anno scorso, i ricercatori dell’Università del New Hampshire hanno riferito che il fondo del mare si stava trasformando in un paesaggio marino sempre più dolce dominato da alghe arbustive.

“Questi cambiamenti nella natura hanno creato un terreno fertile per molte giungle, o alghe, per mettere radici”, ha detto Jennifer Dejkstra, professore associato di ricerca presso il Centro delle Nazioni Unite per la mappatura costiera e oceanica.

“È probabile che le temperature dell’acqua più calde che sono fondamentali per il cambiamento climatico ridurranno la stagione di crescita delle alghe, il che favorisce condizioni più fresche, ma le forme più diffuse di alghe possono prosperare a queste temperature”, ha detto.

Trasferimento: Oceano

Nelle acque del Mar dei Caraibi, molte barriere coralline hanno subito un “cambiamento di fase ecologico”, con le alghe che ora dominano le barriere coralline precedentemente ricche.

I ricercatori affermano che le alghe hanno un impatto negativo sulla crescita, la riproduzione, il reclutamento e la sopravvivenza delle barriere coralline, poiché le due competono.

La crescita eccessiva di alghe favorisce anche la riproduzione delle spugne coralline – semplici animali acquatici con scheletri densi ma porosi – in un “circolo vizioso” di circolazione dei nutrienti tra le alghe e la spugna, che danneggia le barriere coralline.

Butler e i suoi colleghi hanno studiato le barriere coralline e altri habitat nelle Florida Keys, la catena di isole tropicali che si estende per 120 miglia dalla punta meridionale dello stato americano, da oltre 30 anni.

La familiarità di Butler con il sito ha aiutato il suo team a identificare il ruolo poco apprezzato del Re della notte caraibica (Mithrax spinosissimus), spesso sconosciuto.

Questa specie è il più grande granchio erbivoro dei Caraibi e ha una “forte capacità di pascolo”.

Mangia enormi quantità di alghe a tassi che rivaleggiano con tutti gli altri pesci e invertebrati dei Caraibi e mangia alghe che altre specie evitano.

I granchi caraibici non sono naturalmente presenti in quantità sufficienti per mantenere il controllo delle alghe.

Ma i ricercatori si sono chiesti se i tumori potessero ripristinare l’equilibrio se il loro numero potesse essere aumentato.

Il team ha condotto due esperimenti di seguito in siti separati a circa nove miglia di distanza nelle Florida Keys, entro 12 macchie isolate di barriera corallina.

I ricercatori stanno monitorando le barriere coralline che sono minacciate dal riscaldamento dell'acqua, che porta allo sbiancamento dei coralli, così come l'acqua più acida, l'inquinamento, la pesca eccessiva e le malattie.

I ricercatori stanno monitorando le barriere coralline che sono minacciate dal riscaldamento dell’acqua, che porta allo sbiancamento dei coralli, così come l’acqua più acida, l’inquinamento, la pesca eccessiva e le malattie.

Il cambiamento climatico “cancella decenni di conoscenza su come proteggere i coralli”

Gli scienziati affermano che le barriere coralline sono state così danneggiate principalmente dai cambiamenti climatici che decenni di ricerca su come proteggerle potrebbero non essere fattibili.

READ  Le studentesse sono intenzionate a portare solo una cosa quando studiano all'estero, si scopre che sono major vietnamite, e non è facile trovarle ovunque.

In uno studio sulle barriere coralline di oltre 20 anni, scienziati britannici hanno scoperto che un clima caldo sta spazzando via decenni di conoscenza sui coralli nelle aree protette, note come riserve marine.

Questi ecosistemi sensibili e vivaci sono stati usati come guida per reintegrare la biodiversità in altre regioni in difficoltà.

Il professor Nick Graham della Lancaster University ha affermato: “Il cambiamento climatico sta alterando fondamentalmente la struttura e la composizione degli ecosistemi delle barriere coralline e il modo in cui l’ecosistema funziona e risponde ai metodi comuni di gestione e conservazione deve essere attentamente rivalutato”.

“Le regole su cui siamo arrivati ​​a fare affidamento, non si applicano più”.

Di Più: Le barriere coralline tropicali vengono trasformate dai cambiamenti climatici

Le barriere coralline sono state divise in tre gruppi: “barriere coralline di controllo non trattate” lasciate sole ma usate come riferimento, “barriere coralline piene di granchi” e barriere coralline su cui i subacquei hanno lavato i coralli per rimuovere alghe e alghe prima di aggiungere i granchi.

Inizialmente, l’85% dei coralli era ricoperto di alghe e quel numero non è cambiato dopo un anno sulle barriere coralline che sono rimasti soli.

Ma l’aggiunta di granchi ha influito notevolmente sulle alghe, con una copertura inferiore al 50 percento.

Nel trattamento finale, in cui i coralli sono stati strofinati per primi, la copertura di fanerogame è stata ridotta di circa l’80%, ma l’effetto è stato di breve durata a meno che non fossero stati introdotti anche i granchi.

Quindi il team ha eseguito di nuovo l’esperimento nel secondo sito, che ha mostrato “risultati altrettanto impressionanti”.

La copertura iniziale complessiva di fanerogame marine sul secondo gruppo di coralli era inferiore in questo secondo esperimento – 65 per cento – ma ha prodotto “risultati quasi identici”.

Per questo ripetuto esperimento, i granchi da soli hanno ridotto la copertura di alghe di circa il 50% e massaggiando prima le barriere coralline, le alghe sono diminuite di circa il 70%.

I risultati mostrano che i granchi erbivori possono essere utilizzati come un altro strumento per il ripristino dei coralli, che può integrare l’approccio combinato al trapianto di frammenti di corallo in coralli degradati.

Questo approccio aiuta a migliorare la biomassa corallina e la riproduzione sessuale dei coralli, ma finora non ha riportato i coralli al loro stato precedente.

Butler e il coautore dello studio Angelo Jason Spadaro hanno scritto nel loro articolo pubblicato in: Biologia attuale.

La formazione di coralli nelle Florida Keys è rimasta stabile negli ultimi 8000 anni, ma è in rapido declino a causa delle minacce che devono affrontare.

Ad esempio, la terza barriera corallina più lunga del mondo ai margini delle Florida Keys contiene ora meno del 2% della copertura corallina, una frazione di quello che faceva solo pochi decenni fa.

“Ci si chiede come sarebbero i tropici senza la straordinaria complessità e bellezza delle barriere coralline poco profonde”, ha detto Butler.

Superare la sfida del cambiamento climatico insieme al ripristino delle barriere coralline native, come lo sviluppo di programmi di stoccaggio dei granchi erbivori, è immediatamente necessario per invertire questo degrado.

“I nostri risultati non significano molto se non portano a nuovi tangibili sforzi di restauro”.

I vivai di coralli sono già stati istituiti per aiutare a ripristinare le barriere coralline, ma per mettere in pratica le nuove scoperte sarà necessario creare vivai per far crescere un gran numero di granchi, cosa che i ricercatori stanno ora facendo. Sto cercando di trovare una risorsa.

I coralli espellono piccole alghe marine quando la temperatura del mare aumenta, facendole diventare bianche

I coralli hanno una relazione simbiotica con piccole alghe marine chiamate “zooxantelle” che vivono al loro interno e le nutrono.

Quando la temperatura della superficie del mare aumenta, il corallo espelle le alghe colorate. La perdita di alghe le fa sbiancare e diventare bianche.

Questi stati di sbiancamento possono durare fino a sei settimane, e mentre le barriere coralline possono riprendersi se la temperatura scende e le alghe ritornano, i coralli altamente sbiancanti muoiono, coprendosi di alghe.

In ogni caso, questo rende difficile distinguere coralli sani da coralli morti dalle immagini satellitari.

Questo sbiancamento ha recentemente ucciso fino all’80% delle barriere coralline in alcune aree della Grande Barriera Corallina.

Eventi di sbiancamento di questo tipo si verificano in tutto il mondo quattro volte più spesso di prima.

Una veduta aerea della Grande Barriera Corallina in Australia.  Le barriere coralline della Grande Barriera Corallina sono state sottoposte a due eventi di sbiancamento consecutivi nel 2016 e all'inizio di quest'anno, sollevando le preoccupazioni degli esperti sulla capacità delle barriere coralline di sopravvivere al riscaldamento globale.

Una veduta aerea della Grande Barriera Corallina in Australia. Le barriere coralline della Grande Barriera Corallina sono state sottoposte a due eventi di sbiancamento consecutivi nel 2016 e all’inizio di quest’anno, sollevando le preoccupazioni degli esperti sulla capacità delle barriere coralline di sopravvivere al riscaldamento globale.

More from Anatolio Ossani

L’unica eclissi solare totale del 2021 è avvenuta questa settimana. Ecco come visualizzarlo da qualsiasi luogo.

L’unico totale Eclissi solare L’anno arriva questa settimana. Lunedì 14 dicembre, i...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *