Italia: è morta la cantante pop Milva – People

Il titolo della sua canzone più famosa era in Germania “Evviva, siamo ancora vivi.”.

Ora il mondo della musica è in lutto per la canzone italiana di successo, Chanson Milva.

La figlia ha confermato sabato all’agenzia di stampa italiana ANSA che Milva era morta venerdì sera.

La Rosa, come veniva chiamata anche in Italia per i suoi capelli rossi, aveva 81 anni. Più recentemente, ha vissuto con il suo stretto fidanzato e segretario Edith Meyer nel centro di Milano. Ha anche confermato la morte della grande signora italiana Chanson.


Milva nel 1999. I suoi capelli rosso vivo, marchio di fabbrica, erano il suo marchio di fabbricaFoto: Hubert Link / dpa

Milva, nata il 17 luglio 1939 dalla figlia di una sarta e pescatore nel piccolo paese di Guru sulla costa adriatica, era conosciuta in tutto il mondo.

In Europa è stato ospite in molti programmi musicali in tutta Europa. Ha cantato le sue canzoni non solo in italiano, ma anche in inglese, tedesco, francese, spagnolo, greco, portoghese e giapponese.

Il ministro della Cultura italiano Dario Franceschini (62) ha elogiato Melva, dicendo: “La tua voce ha risvegliato sentimenti profondi in intere generazioni. Una grande italiana, un’artista che è passata, dal suo amato paese, attraverso palcoscenici internazionali, ha fatto il suo successo internazionale e l’ha sostenuta il nome del suo paese. “


Milva a metà degli anni Settanta.  Ha registrato dozzine di album e ha cantato in tournée e teatri.  È apparsa quasi 20 volte al festival più caldo d'Italia a Sanremo, ma ha vinto

Milva a metà degli anni Settanta. Ha registrato dozzine di album e ha cantato in tournée e teatri. È apparsa quasi 20 volte al festival più caldo d’Italia a Sanremo, ma non ha mai vintoFoto: picture alliance / United Archives / Pilz

Nel 2010 ha lasciato il teatro. In un messaggio pubblicato su Facebook, ha annunciato la fine della sua carriera.

“Ho fatto il mio lavoro con dignità e forse bene”, ha detto Milva quando ha annunciato il suo ritiro dal pubblico. Ho deciso di fare questo passo “perché non sono più in grado di farlo nel miglior modo possibile”.

In un’intervista televisiva quell’anno, parlò di problemi di salute che le impedivano di continuare. Quindi soffriva di problemi di memoria.

Non si sa ancora da cosa sia morta.

READ  I ristoranti locali tengono alto il morale mentre raccolgono fondi per i lavoratori licenziati
More from Cirillo Buratti

Vivendi nega ufficialmente ogni illecito Mediaset relativo a casi

Parigi–(Filo di lavoroNotizie normative: A seguito di indiscrezioni diffuse stamattina sulla stampa...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *