F1, incidente di Grosjean: salta fuori dall’auto in fiamme

Al primo giro del Gran Premio del Bahrain, Haas conduce faccia a faccia e sbatte i portieri. Un tweet del team rassicura tutti: “Roman ha qualche piccola bruciatura a mani e caviglie, ma sta bene”.

Un inizio scioccante nel Gran Premio di Formula 1 in Bahrain. Dopo il semaforo verde, Haas di Roman Grosjean cambia direzione, tocca Alpha tauri di Kvyat, avanza dritto, corre verso le guardie, si spacca in due e prende fuoco.

Scomparto di fuga

Il pilota francese, grazie alla capsula carbon escape che lo protegge, rimane illeso, scende dall’auto con entrambe le gambe e viene trasportato in ambulanza al centro medico. Subito bandiera rossa quando tutte le vetture rientrano ai box.

Gara sospesa

Il Gran Premio riprenderà tra 45 minuti per dare l’opportunità agli addetti alla sicurezza e ai commissari di ripulire l’asfalto e ricostruire il guardrail che esce alla terza curva dopo il terribile incidente che ha coinvolto il pilota francese Grogan. Dovrai attendere almeno 45 minuti per la seconda partenza.

Tweet di Hasse

“Roman ha delle piccole ustioni alle mani e alle caviglie – sta leggendo un tweet pubblicato da Haas – ma a parte questo sta bene. Adesso è con i dottori”. Tuttavia, il pilota verrà portato in ospedale per controllare eventuali fratture.

Parole del team manager

“Grogan è andato in ospedale adesso per fare i test. Ha dei problemi ortopedici ma è cosciente. Non gli ho parlato direttamente, ma sta bene.” Così Günter Steiner, il manager del team Haas. “Quando vedi un episodio come questo, non c’è niente da dire, speriamo solo che sia fortunato. Non pensare a come sia successo o perché, abbiamo appena visto che è saltato fuori dalla macchina e vogliamo ringraziare il medico della FIA e il maresciallo che hanno preso nel fuoco”, ha concluso il team manager. L’americano che corre per Grogan.

READ  Consultazioni "febbrili" tra i leader della Turchia
More from Anatolio Ossani

Juventus 2-0 Cagliari: strepitoso Ronaldo, doppietta!

Torino – Brillante com’era prima della pausa, ma con quella piccola bruttezza:...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *