Covid Italia, rallenta la curva di contagio. Gli esperti: i blocchi stanno funzionando

Roma “per guardare la curva degli dei con occhi sinceri Contagio Finalmente sembra che si stia raffreddando. ” Quindi ieri sera il commissario per le emergenze Domenico ArcuriIn una conferenza stampa, potresti verificare ciò che sempre più esperti hanno sostenuto nelle ultime ore. “Misure di governo e comportamenti virtuosi della maggioranza degli italiani” funzionano.

Leggi anche Covid, uno su 5 ritorni positivi: The Gemini Study

Un primo sorriso dopo settimane di dura lotta, difficilissima in alcuni settori, confermato anche da uno sguardo ai dati. Sebbene ieri ci sia stato ancora un gran numero di decessi (636) e di persone infette (37.978), dovresti sottolineare non solo come il numero di nuovi pazienti in ospedale diminuisce per almeno 5 giorni (+811 mercoledì, +429 ieri) quanto te In particolare il numero di positivi relativi alle scansioni molecolari eseguite.

Se la percentuale fosse salita dal 1 ottobre (dal 2,2% da 118.000 tamponi, al 16,3% su 183.000 del 1 novembre fino al 7 novembre picco del 17,2%), per almeno due giorni il trend ha iniziato a rallentare, raggiungendo 16,2% ieri e 14,6% mercoledì. Abbiamo raggiunto il cosiddetto altopiano, che è il punto in cui non stiamo ancora scendendo ma finché non saliamo più. Urlo subito all’angusta via di fuga, ma è sufficiente testimoniare che le chiusure e le restrizioni finora in vigore sono entrate in vigore.

video

CTS e Lombardia

“Siamo cautamente ottimisti e quindi miriamo a stabilizzare la curva. Ma ti fa bene incrociare ». Quando anche un saggio fanatico come Agostino Miozzo, il coordinatore del Comitato Scientifico e Tecnico, comincia a parlare così, si può proprio dire che le cose iniziano a prendere una piega diversa. “Questo non vuol dire che sia stato – come determinato – altrimenti qualcuno verrà a dirci che dobbiamo riaprire le discoteche o le piste di pattinaggio, ma la chiusura è l’unica cosa che funziona”.

In effetti, allontanarsi con maschere e disinfettante “è l’unico rimedio che abbiamo”, aggiunge, e poi “possiamo fare tutte le avventure che vogliamo”. La chat è praticamente zero, lo spegnimento funziona. Un po ‘simile al direttore generale Ats di Milano Walter Bergamaschi che ha detto ieri, che ha annunciato che “la città RT oggi è intorno a 1,25, con la chiusura in calo di giorno in giorno e quasi dimezzata rispetto al momento di punta”. È stato raggiunto lo scorso 22 ottobre.

“Le chiusure, dal ristorante al bar – spiega Fabrizio Brigliasco, virologo e membro del CTS lombardo – è l’unica ricetta che conosciamo per ridurre il più possibile il numero di persone che contraggono il virus, riducendo così la pressione complessiva sul sistema sanitario per riacquistare la possibilità di tornare finalmente all’uso del tracciamento”. Infatti, senza un adeguato tracciamento dei contatti, tutto è “molto più difficile”. Si tratta quindi di pensare a obiettivi, e gradualmente, riuscire a rimettersi in carreggiata assumendo solo rischi calcolati. Proprio come quelli assegnati alle scuole italiane che, secondo Spiegato al governo dal presidente dell’ISS Silvio Brusavero, può rimanere aperto oggi con le modalità specificate. Cioè con gli studenti delle scuole superiori solo al 100% in formazione a distanza. Secondo l’esperto, infatti, il gruppo più a rischio è quello ormai a casa: i giovani Quelli di età compresa tra 14 e 18 anni.

Gymby

D’altronde la Gimbe Foundation è arrivata a reprimere il primo entusiasmo associato a una leggera flessione della curva e ad una rifocalizzazione dei numeri assoluti. Come ha spiegato ieri il presidente Nino Cartabellotta ad Agorà, su Rai 3, “abbiamo attraversato attualmente 600mila casi positivi”. Cioè, i pazienti sono in isolamento domiciliare, in ospedale con sintomi o in terapia intensiva. Questo è un dato importante perché, come sappiamo, l’epidemia viene definita “fuori controllo” quando i positivi superano l’1% della popolazione e ieri, oltre a superare il milione dall’inizio dell’epidemia, la soglia dell’1% della popolazione è attualmente contagiata da Sars-Cov-2. In pratica, oltre ai primi segnali di miglioramento, servirà più tempo per tornare al top.

Ultimo aggiornamento: 00:22


© Riproduzione riservata

READ  Un salto da feriti e morti, ci avviamo verso altre chiusure, oggi, nuove regole. Calabria: "Riprenderemo"

More from Anatolio Ossani

Stai provando Wild Rome con Pretelli nel Cucurio?

Durante l’ultima puntata del Grande Fratello Vip Antonella Elia e Pupo decidono...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *