Con una bassa rumorosità, una bassa impronta di carbonio e un “carburante” elettrico che costa solo £ 1 l’ora, il Velis Electro entrerà in una nuova era dell’addestramento al volo.

Pubblicato: 09:00 18 dicembre 2021

[None]

Con una bassa rumorosità, una bassa impronta di carbonio e un “carburante” elettrico che costa solo £ 1 l’ora, il Velis Electro entrerà in una nuova era dell’addestramento al volo.




Evo Buscarroll è il fondatore e CEO di Pipistrel

Potrebbe essere un errore di battitura. Ho sentito che i motori elettrici abbasseranno il costo del volo, ma è un errore – queste tabelle Excel instabili … Controllo di nuovo la colonna, ma è corretto. Ci sono tutte le voci e i numeri si sommano. Una libbra all’ora? Non potrebbe essere vero, la mia moto è più costosa da guidare! Chiedo a Taja del Pipistrel di verificare i dati che mi hai appena inviato. La sua risposta è “nessun errore”. Forse in Slovenia hanno elettricità molto economica? Controllo anche quello ma no; Si scopre che il prezzo della loro elettricità è simile a quello del resto d’Europa. Quindi, sto volando con un aereo che usa £ 1 di “carburante” all’ora?

Pipistrel attualmente lancia circa trenta aeromobili ogni mese, di cui circa cinque sono ElectrosPipistrel attualmente lancia circa trenta aeromobili ogni mese, di cui circa cinque sono Electros

Progettato per la propulsione elettrica

“Benvenuti!” Parlando in italiano, il fondatore e CEO dell’azienda Evo Buscarroll B e la mia troupe video sono stati accolti nello stabilimento Pipistrel di Gorizia, oltre il confine sloveno / italiano. Veniamo qui per volare a bordo della Velis Electro e visitare la loro fabbrica e, come da protocollo, inizialmente siamo diretti in un tour delle strutture. Ma – non posso aiutarti – molto presto mi trovo in modalità intervista, a parlare di questo sbalorditivo numero di £ 1 l’ora, e finisco per chiedere onestamente “Com’è possibile?”

“Abbiamo iniziato a lavorare sul volo elettrico vent’anni fa …” La risposta semplice e realistica di Evo. Devo dire che se avessi progettato un aereo che vola a un costo incredibilmente basso, probabilmente lo avrei gridato dai tetti, ma il comportamento dell’Evo è in realtà piuttosto debole, come se il risultato non fosse un grosso problema. “L’obiettivo era progettare un aereo per una missione molto specifica, per la quale sarebbe stata utile la propulsione elettrica”, afferma. Ed è esattamente quello che ha fatto Pipistrel. Il Velis Electro non è un aereo tuttofare: fa una cosa, ma lo fa molto bene e molto poco costoso. Molto semplicemente, è l’aereo da addestramento circolare più economico al mondo.

Evo spiega il business case di Pipistrel: “La propulsione elettrica ha due principali inconvenienti per l’aviazione. Primo, la bassa densità di energia delle batterie, il che significa che non è possibile volare su lunghe distanze. In secondo luogo, l’esperienza limitata del settore nel volo elettrico, che crea ostacoli alla certificazione”. In questo scenario, il Pipistrel collega i punti semplicemente. Da un lato, avevano molti anni di esperienza nel volo elettrico, quindi potevano progettare un pacchetto composto da due batterie relativamente piccole che avrebbero superato il processo di certificazione EASA. D’altra parte, hanno progettato un aereo in grado di sfruttare al meglio queste batterie. Nasce così Felice Electro, l’istruttore di volo in circuito e primo velivolo elettrico certificato della storia. “Nei libri di storia, questo aereo potrebbe finire per essere seduto fianco a fianco con l’aereo dei fratelli Wright e il primo jet”, dice Evo, sottolineando che la propulsione aerea non ha subito molti cambiamenti drastici nei suoi 117 anni di storia.

READ  Un nuovo mercato alimentare aprirà a Birmingham

Una volta superato l’ostacolo della certificazione e trovato un mercato che può trarre vantaggio da un aereo elettrico, il vantaggio di costo naturale della propulsione elettrica traspare. Per ora di volo, il Velis Electro utilizza circa 25 kWh di energia, che in Slovenia costa circa £ 1, e nel Regno Unito (a seconda del fornitore di servizi) solo un po ‘di più. Quasi tutti gli altri costi operativi sono gli stessi di un velivolo con motore a pistoni parabolico – ei motori elettrici sono per natura abbastanza semplici, il che influisce positivamente sulla facilità e sui costi di manutenzione. Il costo di esercizio maggiore è la riparazione dei pacchi batteria, che attualmente deve essere eseguita ogni cinquecento ore (limite che verrà esteso con lo sviluppo della tecnologia). Complessivamente, comprese tutte le spese, ad eccezione dell’assicurazione e degli hangar, Pipistrel cita un costo di un’ora di volo di circa £ 64, di cui solo £ 1 è il costo del “carburante” (cioè elettricità).

L'Electro può essere ricaricato completamente in un'oraL’Electro può essere ricaricato completamente in un’ora

Ricarica completa in un’ora

Certo, il funzionamento di un aereo elettrico ha caratteristiche proprie rispetto a quello dei motori a combustione. La più grande differenza è nella portata: quando è completamente carico, il Velis Electro ha abbastanza batteria per volare per un’ora, che è più che sufficiente per condurre una sessione di volo a circuito completo. Alcune cose dovrebbero essere annotate riguardo a questo punto specifico. In primo luogo, la certificazione consente all’aereo di volare con solo dieci minuti di riserva, a condizione che tenga in vista l’aeroporto, cosa che in genere fa quando si vola in circoli di addestramento. Secondo, il numero dell’orologio indica il numero effettivo Volo Tempo, non bloccare per prevenire. Questo perché quando un aereo è fermo (ad esempio, in attesa di decollare in una lunga fila di aerei), utilizza pochissima energia. Quindi, se sei preoccupato di rimanere senza batteria mentre aspetti di decollare in un aeroporto affollato, non devi davvero preoccuparti.

Un altro problema importante con la propulsione elettrica è il tempo di ricarica delle batterie. Qui Pipistrel cita un rapporto uno a uno tra tempo di volo e tempo di ricarica: puoi volare per 1 ora e passare 1 ora a ricaricare le batterie a piena capacità (questo è un compromesso a favore del vantaggio, poiché una ricarica lenta prolungherà la durata della batteria). Pertanto, la “ricarica rapida” (un’opzione per i veicoli elettrici) è la modalità operativa predefinita. Un’ora a terra tra un volo e l’altro non è una pausa scomoda, visti i tempi di briefing e ascolto prima e dopo le lezioni di volo.

Un altro punto da considerare nell’Electro è che una volta che raggiunge meno del quindici percento del suo stato di carica (SOC), la ridotta capacità di scarica delle batterie limiterà la potenza massima in uscita a 50 kW e non il solito massimo di 58. Tuttavia, Di solito puoi terminare i tuoi viaggi prima che venga raggiunto il restante 15% di SOC, così come ovunque meno del 20% di SOC che inizi a mangiare nelle tue riserve.

READ  Robert Mullins e EXP. Un ristorante tra i principali vincitori del premio 020 NSW / ACT Restaurant & Catering Awards for Excellence | Inserzionista - Cessnock

Infine, il motore dovrebbe essere “rallentato” durante la salita iniziale, poiché la forza massima al decollo di 58 kW può essere mantenuta per non più di 1 minuto, dopodiché dovrebbe tornare a 49 kW, che è la potenza massima continua. Ma questo sembra essere molto: nella mia demo, alle condizioni ISA più cinque gradi Celsius, l’impostazione di 49 kW ha prodotto una velocità di salita rispettabile di 700 fps (e ricorda, molti motori a pistoni, incluso il Rotax 912, hanno lo stesso decollo Limitazioni di potenza massima / continua).

Non solo il rifornimento è più economico …

Quindi, mentre sono necessari alcuni piccoli aggiustamenti se si desidera passare a un aereo elettrico (ma non pianificare ancora un volo da Shoreham a Prestwick), ci sono alcuni vantaggi distinti da menzionare, insieme a costi operativi inferiori. Oltre a ridurre il tuo impatto sull’ambiente, l’altro grande vantaggio di Electro evidenziato da Ivo è il suo ridotto rumore aereo. Sottolinea che “ci sono più di cento aeroporti in Europa dove l’addestramento al volo è vietato durante il fine settimana a causa del rumore”. “Questo è un enorme limite per molte scuole di volo, e in particolare per tutti gli studenti standard che possono permettersi di viaggiare solo nei fine settimana perché lavorano durante la settimana”. Il livello di rumorosità ufficiale di Electro di 60 dB è molto basso, il che corrisponde al livello sonoro interno di un’auto di lusso. Durante il mio volo, ho tolto le cuffie ancora e ancora per valutare quanto fosse rumoroso l’abitacolo: la mia impressione era che l’Electro fosse circa il trenta percento più silenzioso di un aereo a pistoni parabolici.

Essendo un abbastanza nuovo quando si tratta di sistemi di propulsione alternativi, ho anche trovato alcuni numeri incoraggianti quando ho confrontato la combustione e le centrali elettriche in scenari specifici. Si sente spesso, ad esempio, parlare del problema della “densità energetica” con le batterie. Ogni chilogrammo di combustibili fossili ti dà molta più energia di un chilogrammo di batterie. La ricerca rivela varie stime del rapporto di densità energetica tra batterie e combustibili fossili: il più alto che ho visto è 40 a uno e il più basso cinque a uno. Anche sotto le migliori stime, quindi, con la tecnologia attuale, una batteria sembra fare un quinto del lavoro che fa la stessa massa di combustibili fossili. Non va bene per una tecnologia che dovrebbe salvare il mondo! Tutto cambia, però, se il confronto viene effettuato nell’ambito di una vera e propria sortita, e se si include nell’analisi il blocco motore (o motore elettrico). In questo caso, scopri che, per volare per un’ora, Electro ha bisogno di 120 kg di batterie per alimentare un motore del peso di 20 kg, per un totale di 140 kg. Per volare dello stesso tipo, il fratello del motore a pistoni – il virus – ha bisogno di sollevare una massa in meno, ma non molto di meno: un totale di 100 kg, divisi tra motore e carburante. Ciò significa che nel caso di Electro, la vera penalità di peso per il volo elettrico non è il cattivo rapporto tra quaranta e uno menzionato sopra, ma piuttosto più accettabile di sette su cinque.

READ  Nuovo film italiano su Netflix basato su una storia vera

Il volo elettrico porta anche altri vantaggi di interesse per il pilota (piuttosto che per l’operatore). Ad esempio, hai già il propulsore flat-rated a tua disposizione: senza l’uso di ossigeno, il motore teoricamente erogherebbe la stessa potenza ad alta quota in una giornata calda e umida, come a livello del suolo in una giornata fredda e secca.

La lampada iniziale è anche un po ‘più semplice: il motore elettrico e le batterie contengono pochissimi componenti, e ho l’impressione che se qualcosa non va, un pilota inesperto individuerà facilmente un problema in un aereo elettrico più di un singolo motore a pistoni. Ovviamente non hai problemi con il monossido di carbonio.

La risposta del mercato per Velis Electro è stata finora buona, con Pipistrel che al momento lancia circa cinque aeromobili al mese (i primi acquirenti hanno effettuato ordini dal 2014). Ma dico a Ivo, sospetto che alcune scuole manterranno un potenziale acquisto dell’aereo fino a quando la tecnologia non sarà provata e testata. Dopotutto, questo è un aereo completamente nuovo che è stato approvato solo a giugno. “Sì, è probabile”, risponde Evo. “È naturale fare attenzione con un velivolo appena certificato. La soluzione, suggeriamo, è di integrare gradualmente l’Electro nella tua flotta. In realtà stiamo incoraggiando le scuole a provarlo insieme ad altri istruttori, e quindi valutare le loro prestazioni relative. Mentre è chiaro che si può acquistare l’Electro. Come velivolo autonomo, il nostro suggerimento in generale è di acquistare un set di trainer che includa sia l’elettricità che un pistone, perché i due copriranno diverse fasi dell’addestramento “.

Chiedo anche qual è il futuro dell’aviazione elettrica, poiché alcuni esperti ritengono che una maggiore adozione della propulsione elettrica porterà a economie di scala, che a loro volta potrebbero portare a un miglioramento quasi esponenziale delle batterie. Ma nonostante abbia guidato l’azienda con il primo grande passo avanti in questo settore, Evo ha una visione conservatrice. Dice: “Il tasso di miglioramento della batteria non è così eccezionale, circa il tre o quattro percento all’anno al momento. Ad esempio, penso che possiamo raddoppiare la gamma Electro entro il 2023, ma gli sviluppi oltre tale gamma saranno più difficili. Ecco perché dobbiamo esaminarli”. Tutti i tipi di propulsione alternativa per il futuro dell’aviazione e per il funzionamento di aeromobili più grandi, ad esempio lo sviluppo della propulsione a idrogeno “.

Mentre la nostra visita volge al termine, non posso fare a meno di vedere Electro da una prospettiva storica di vecchia data. Di solito, quando c’è un “primo” storico – primo aereo, primo treno, primo aereo – quello che emerge davvero è qualcosa che ha delle potenzialità, non un prodotto leader sul mercato che può essere utilizzato immediatamente (generalmente perché costa più della tecnologia tradizionale). Come il primo, l’Electro è un completo bizzarro, storicamente parlando. All’inizio, l’aereo era già il più competitivo (cioè il meno costoso) sul mercato. È anche il primo velivolo elettrico certificato della storia.

Tutti al Pipistrel, a cominciare da Ivo, sono umili e quasi respingono il loro successo. Ma penso che l’Electro sia davvero un grosso problema.

More from Cirillo Buratti

La guida ai regali di Natale 2021 di Broadsheet

sai cosa? Meritiamo tutti molti regali quest’anno. Tipo, pile. Stiamo parlando di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *