Apple sotto pressione: la quota di film europei potrebbe significare TV + divieto | notizia

Il mercato dei servizi di video on demand è determinato principalmente dai fornitori di servizi americani: Netflix, Amazon Prime Video e Disney + offrono un gran numero di prodotti: le serie e i film americani si trovano spesso in modo sproporzionato sui provider di streaming. Esistono anche alternative europee come Realeyz e Sooner, ma finora queste riguardano solo nicchie e soprattutto vogliono ispirare registi eccezionali attraverso la produzione artistica e artistica. Per attirare maggiormente l’attenzione sul business europeo, l’Unione Europea ha emanato una direttiva che impone una quota di film sui servizi di streaming. Ora il primo stato membro ha messo in atto un disegno di legge simile che potrebbe anche gettare Apple nel caos.

More from Cirillo Buratti

Juventus-Napoli, 20 gennaio

La Supercoppa Italiana si giocherà tra Juventus e Napoli il 20 gennaio...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *