Anemia (2,3%) reazione dell’economia greca nel terzo trimestre

Non ci sono segnali di “esplosione” come è avvenuto nelle principali economie dell’area euro, poiché l’economia greca è passata alla ripresa nel terzo trimestre dell’anno a ritmo trimestrale. 2,3%, Secondo la pubblicità ELSTAT. Il suo principale alimentatore è stata la sua crescita esponenziale Spese per i consumatori Del 14% rispetto al secondo trimestre, quando il blocco ha portato alla chiusura delle case dei consumatori, nell’ambito della lotta all’epidemia.

Su base annualizzata, la recessione rimane forte a 11,7%, Tuttavia, il rallentamento rispetto a un 14,2% rettificato (annuale e 14,1% trimestrale) della recessione nel secondo trimestre dell’anno. Il PIL ha superato la linea di demarcazione dei 40 miliardi di euro (a 40,279 miliardi di euro) nel terzo trimestre, rispetto ai 39,395 miliardi di euro del secondo trimestre, circa 5 miliardi di euro in meno rispetto al corrispondente trimestre del 2019 (45,611 miliardi di euro). Euro).

Il confronto con gli annunci di Eurostat mostra che la ripresa Tipo V, Registrato temporaneamente nell’Eurozona, non si è verificato in Grecia. I dati Eurostat hanno mostrato un impressionante recupero del 12,7% nell’area dell’euro nel terzo trimestre, dopo essere sceso dell’11,8% nel secondo trimestre e anno su anno, lasciando la recessione al 4,3% nel terzo trimestre, dopo un forte calo del 14,6% nel secondo.

Esempi tipici sono la Francia (+ 18,2% dopo -13,7%), Spagna (+ 16,7% dopo -17,8%) e Italia (+ 16,1% dopo -13%).

Tutto questo, ovviamente, appartiene al passato poiché la nuova epidemia “ha chiuso” nuovamente le economie europee nel quarto trimestre, trasformando V in W (aspettativa). Per quanto riguarda l’economia greca, il ministero delle Finanze stima che la recessione prenderà forma quest’anno in 10,5%, Con una previsione di recupero del 4,8% nel 2021.

READ  chi è questo? Età, rap e vita privata

Va notato che, sulla base dei dati precedenti, la recessione dell’economia è la prima 9 mesi 8,5%.

Di seguito sono riportate le variazioni dei principali numeri macroeconomici nel terzo trimestre in termini di volume con la correzione stagionale:

Cambiamenti stagionali

  • La spesa totale dei consumatori finali è aumentata del 14% rispetto al secondo trimestre del 2021.
  • Gli investimenti fissi totali sono diminuiti dello 0,4% rispetto al secondo trimestre 2021.
  • Le esportazioni di beni e servizi sono diminuite del 10,4% rispetto al secondo trimestre del 2021. Le esportazioni di beni sono aumentate del 6,5%, mentre le esportazioni di servizi sono diminuite del 39,2%.
  • Le importazioni di beni e servizi sono aumentate del 9,6% rispetto al secondo trimestre del 2021. Le importazioni di beni sono aumentate del 12,2%, mentre le importazioni di servizi sono aumentate del 3,4%.

Cambiamenti annuali

  • La spesa totale dei consumatori finali è aumentata dell’1,6% rispetto al terzo trimestre del 2019.
  • Gli investimenti fissi totali sono diminuiti dello 0,3% rispetto al terzo trimestre 2019.
  • Le esportazioni di beni e servizi sono diminuite del 44,9% rispetto al terzo trimestre del 2019. Le esportazioni di merci sono aumentate del 3,5%, mentre le esportazioni di servizi sono diminuite dell’80,0%.
  • Le importazioni di beni e servizi sono diminuite del 6,4% rispetto al terzo trimestre del 2019. Le importazioni di beni sono diminuite del 2,7% e le importazioni di servizi sono diminuite del 18,1%.

* Rivedere le informazioni dettagliate nella colonna dei materiali di accompagnamento.

More from Celestina Locatello

Respinta la richiesta IPTO di revoca dell’ordine temporaneo ottenuto dal monastero di Agioi Theodoron Aroania – KALAVRITA

L’avvocato Christodoulou ha partecipato all’operazione, alla presenza del sindaco, Sig. Papadopoulos, e...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *