10 ^ Tappa Giro d’Italia: Trionfo e Maglia Viola di Peter Sagan

La decima tappa del Giro d’Italia è stata la continuazione di un weekend difficile con strade impervie. Solo 139 km fino a quota 1300, nel centro Italia a partire da L’Aquila, città con 99 chiese, 99 piazze e 99 fontane. La giornata dei corridori è stata un inizio molto positivo. Il ritmo era forte anche sulle altezze brevi, il che ha reso difficile alcuni corridori. Bora Hangsrohe ha fatto un ottimo lavoro per Peter Sagan che oltre ad essere un velocissimo velocista, riesce a tenere il passo con un ritmo sostenuto su escursioni leggere e medie. Per raggiungere l’ultimo nemico si è avvantaggiato anche dell’assistente di Fernando Gaviria, Juan Sebastian Molano, fino agli ultimi 400 metri.

La forza di Sagan era così grande che all’ultima curva, per non rallentare, ha seguito il profilo aperto per evitare Mulanu che, terminato il suo lavoro, ha lasciato andare le gambe. Peter Sagan ha vinto facilmente, lasciando Gaviria (la squadra degli Emirati Arabi Uniti) secondo e David Simolai (nazione emergente di Israele) al terzo. Con questa vittoria, Sagan è salito in cima alla classifica e ora è il detentore della maglia viola. Sagan ha vinto anche la decima tappa a Jiro, ma su un percorso diverso. Nel complesso, Egan Bernal ha mantenuto la maglia perdendo solo un secondo contro Remco Evenpoel dopo aver terminato un posto dietro di lui in una gara intermedia. Geoffrey Bouchard è ancora la maglia azzurra dell’Ascensione ed Egan Bernal della maglia bianca giovanile, ma la maglia sarà indossata da Remco Evinpool II. Martedì 18 maggio arriva la prima pausa del Giro d’Italia di quest’anno

READ  Euro 2004: pareggio confortevole, eliminazione diretta italiana (FED)

Le prime 20 squadre dopo la decima tappa

1 Egan Bernal Gómez (colonnello) Ineos Grenadiers 38:30:17
2 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:00:14
3 Alexander Vlasov (Russia) Astana Premier Tech 0:00:22
4 Julio Ciccone (ETA) Trek Segafredo 0:00:37
5 Attila Walther (giugno) Groupama-FDG 0:00:44
6 Hugh Karthy (Regno Unito) EF Education-Nippo 0:00:45
7 Damiano Caruso (ETA) Il Bahrain è vittorioso 0:00:46
8 Daniel Martin (Earl) il nascente stato di Israele 0:00:52
9 Simon Yates (GBr) Team BikeExchange 0:00:56
10 David Formulam (ETA) Team Emirati Arabi Uniti 0:01:02
11 Daniel Martinez Poveda (colonnello) Ineos Grenadiers 0:01:13
12 Mark Soler (Spa) Il team Movistar 0:01:21
13 Roman Bardet (da) il team DSM =
14 Louis Vervaeck (Campanello) Albicin-Phoenix 0:01:34
15 ° Emmanuel Buchmann (Germania) Bora Hansgrohe 0:01:47
16 Vincenzo Nepalese (ETA) Trek Segafredo 0:02:13
17 Rein Taaramäe (est) Intermarché-Wanty 0:02:16
18 Tobias Voss (Nour) Jumbo Visma 0:02:23
19 Gianni Moscone (ETA) Ineos Grenadiers 0:02:29
20 Nicholas Schultz (Australia) Collegiate Bike Exchange 0:02:31

Written By
More from Elpidio Greco

Il simbolo della democrazia alla portata di tutti

L’Acropoli, sinonimo di democrazia e di tutti i traguardi raggiunti in suo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *